Ci sono sempre ricordi speciali che ti si ficcano nella testa, che sia un amore o un viaggio.
Qualsiasi cosa accada o si faccia, la scia che rimane è un pezzo di tutto, senza un perchè o un percome ti resta appiccicato addosso un ricordo che resterà lì per anni. Per me il ricordo è la parola INIMMAGINABILE.
Dal 24 agosto la situazione a Norcia è inimmaginabile. Una comunità forte e unita dalla bellezza della città, dalla storia, anche dal commercio e dall’ottima gastronomia è sprofondata nel caos totale e indescrivibile. Lasciati al loro spirito di sopravvivenza, gli abitanti di Norcia e frazioni si sono dovuti organizzare, e chi non ha avuto dalla sua una comunità coesa e forte si è trovato da solo a gestire la propria solitudine, la propria fame e la propria depressione.

Dopo la prima scossa i riflettori (giustamente) si sono accesi su Amatrice. Tanti morti, troppi. Ma Amatrice ha avuto dalla sua anche un primo cittadino che quei riflettori ha saputo usarli e a quei microfoni ha saputo parlare. Di Norcia nessuno ha detto nulla. In fondo nessun morto, e la situazione era ancora vivibile.
Il 26 ottobre alle 19.12 arriva la prima scossa forte. Alle 21 circa la seconda, fortissima e lunga. Gli abitanti di Norcia fuggono di casa, si rifugiano fuori dalle case (quelle agibili), scappano in macchina, nei container, in tende improvvisate e, per i fortunati, nelle roulotte. Il tendone della protezione era stato tolto pochi giorni prima, finita l’emergenza.
“E meno male che c’è stata la scossa della sera del 26 ottobre, ci siamo salvati, altrimenti domenica 30 ottobre sarebbe stata una carneficina” dice Alessia.

Con la scossa del 30 hanno perso tutto. Negozi (30 nella sola Norcia), ristoranti e bar (altri 32), le due farmacie, la basilica, le mura, la loro storia. Non hanno più nulla. “Ma tanto prima o poi lo rimetto su il mio forno” dice Marta salutando con un sorriso che destabilizza. Sì perchè a Norcia il pane non arriva, lo vanno a comprare a 40 kg a botta a Castiglione sul Trasimeno. O glielo regala l’albergo dove sono gli sfollati.
Marta non sa che difficilmente riavrà il suo forno.

È tutto così a Norcia, che deve ricominciare con due mesi di distacco rispetto a tutto. Alessia si impegna in tutto quello che può e sorride, e intanto le donne che vengono a prendere calze, acqua, spazzolini da denti ti abbracciano e piangono. Non lasciateci soli, vi prego, non ci lasciateci soli.

dsc_0386

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...